Cosa comprare: un nuovo fornello o un set da incasso?

Non vorreste mai rimanere senza un fornello? Molti produttori di “elettrodomestici bianchi” sono sempre più convinti che sia possibile. Infatti, alcuni marchi, soprattutto stranieri, non si occupano affatto di cucine, anche se lavorano sia con i fornelli che con i forni. Una nuova tendenza si è manifestata sul versante degli acquirenti: c’è meno interesse per i fornelli. I grandi negozi di elettrodomestici registrano una crescita delle vendite di elettrodomestici fino al 60%! Abbiamo cercato di capire cosa c’è dietro e cosa riserva il futuro al mercato dei fornelli.

Fornello a induzione nativo o importato?

Cucine combinate

Probabilmente le nostre casalinghe non si sono mai rese conto che il fornello, nostro indispensabile compagno di lavoro per molti anni, poteva dividersi in due o più apparecchi indipendenti. Ora ci viene offerto onnipresentemente un elettrodomestico integrato – un piano cottura o un domino e un forno che possono essere acquistati e installati separatamente.

Naturalmente, questo ci lascia liberi: potete scegliere gli elettrodomestici di vari produttori e disporli in cucina come volete. Il fornello è più modesto da questo punto di vista, perché il forno è ancora in basso e ci si deve sporgere ogni volta, sia per lavorare che per pulire.

D’altra parte, molti clienti, soprattutto casalinghe veterane, non possono permettersi di abbandonare i vecchi elettrodomestici: l’incognita li spaventa, quindi scelgono di nuovo i fornelli.

Mentre i fornelli sono fermi, la soluzione incorporata è in piena crescita

La differenza tra una cucina e una cucina-in non si limita solo a come si inserisce nello spazio di progettazione. Dove la funzionalità dell’apparecchio è più importante. Ecco qualcosa su cui riflettere.

Va detto che i produttori di cucine stanno mettendo sempre più impegno e pensiero tecnico nei loro prodotti.

Sono l’emblema della modernità: hanno un’ampia gamma di impostazioni, automazione, nuove modalità di riscaldamento e pulizia e molto altro ancora.d.

Questo settore del mercato si sta sviluppando rapidamente, l’offerta cresce, diventa più varia e più allettante…

In questo contesto roseo, i piani di cottura sono i chiari perdenti: non tutte le aziende hanno fretta di adottare le tecnologie e i design migliori.

Riparazione, guasto – officina

La decisione di acquistare un nuovo apparecchio nasce in due modi.

Innanzitutto, quando il vecchio fornello si guasta. È facile prendere un modello delle stesse dimensioni e sostituirlo rapidamente con uno nuovo. In questa situazione, la scelta dell’installazione è spesso poco realistica: può significare molte cose, come sostituire i piani di lavoro, ottenere un mobile in tinta con il forno, ecc. È importante notare che potrebbe non essere possibile inserire un’estensione all’interno di un determinato set di apparecchi.

Supponiamo di avere un piano cottura largo 50 centimetri e che il resto della cucina sia ora occupato da armadi ed elettrodomestici. Un forno a incasso ha sempre una larghezza minima di 60 centimetri, quindi lo spazio disponibile è “coperto” dal solo piano di cottura. La scelta di un elettrodomestico non è solo un compromesso tra vecchi stereotipi o novità, ma è anche una questione di come scegliere l’elettrodomestico migliore per la vostra casa.

La seconda opzione – ristrutturazione o nuova casa. Una volta riordinate le pareti, il soffitto e il pavimento, si acquistano nuovi mobili o li si sostituisce parzialmente . Nell’ambito di questa trasformazione globale, è molto più facile e logico optare per una stufa sconosciuta.

Siamo tutti di fronte a una scelta

È interessante anche il modo in cui si sta trasformando la mentalità del consumatore. Le persone si stanno rendendo conto che il mercato offre opzioni mai viste prima, il che significa che è possibile ottenere la macchina migliore al prezzo più basso possibile. Molti venditori affermano che il pubblico è diventato più esigente, curioso e informato speriamo di poter svolgere un piccolo ruolo in questo senso .

E ciò significa che acquistano sempre più deliberatamente, non solo impulsivamente, ma anche cercando di analizzare. I numerosi negozi di elettrodomestici in concorrenza tra loro e i negozi online sono di grande aiuto nella scelta.

Sono ovunque pronti a dare consigli anche se non sempre esaustivi, abbiamo verificato , a spiegare i dettagli e a indirizzare l’interesse verso funzioni particolari. È necessario trovare un equilibrio tra esigenze e possibilità.

Non lasciamoci sfuggire il fornello…

I paesi europei stanno registrando un calo di interesse nei confronti dei fornelli e questo è arrivato anche da noi, ma molti esperti sostengono che è ancora troppo presto per dire addio ai fornelli.

Anche con la crescita delle vendite di elettrodomestici da incasso, il numero di cucine vendute non è diminuito in modo significativo. Ecco l’opinione di Alexander Dyachenko,

Responsabile prodotto Bosch

Molte persone sono fondamentalmente riluttanti ad acquistare modelli da incasso a causa della differenza di durata dei mobili da cucina e degli elettrodomestici da cucina.

I mobili da cucina domestici spesso perdono il loro aspetto dopo pochi anni di utilizzo, i mobili importati di alta qualità non sono alla portata di tutti, mentre gli elettrodomestici durano almeno 10 anni. Un forno da solo non vincola il consumatore a sostituire i mobili o a rinnovare completamente la cucina.

In Italia, molte persone non sono disposte a spendere una cifra significativa per rinnovare la cucina, acquistare nuovi mobili ed elettrodomestici, ma sono in grado di acquistare un fornello di qualità.

Ecco i numeri, secondo Electrolux: il 20% delle vendite è costituito da piani cottura e forni da incasso, l’80% da cucine singole.

Secondo Elizaveta Totunova,

Direttore delle pubbliche relazioni di una catena di negozi

, “Il mercato dei fornelli è generalmente abbastanza stabile: i fornelli non cambiano spesso… Negli ultimi anni, tuttavia, si è registrata una chiara tendenza all’aumento della domanda di elettrodomestici da incasso. I modelli solitari sono venduti per lo più in dimensioni ridotte, mentre per l’acquisto di cucine più grandi si preferisce optare per i modelli da incasso”.

Una vera concorrenza alla pari con gli elettrodomestici da incasso si ha solo nella fascia di prezzo alta, che al momento è lontana dalla portata di tutti.

Nella fascia media e nel mercato di massa, l’acquisto di un fornello è ancora più vantaggioso, perché per la stessa cifra è possibile acquistare solo un set di elettrodomestici da incasso molto semplice ad esempio, con un piano di cottura dotato di “frittelle” in ghisa .

Molti clienti preferiscono tradizionalmente i fornelli a causa dell’abitudine, del conservatorismo e del basso costo degli elettrodomestici: scelgono modelli a basso costo. I fornelli avranno quindi buone possibilità di rimanere a lungo nelle fasce di prezzo più richieste.

Lo confermano i produttori, che non riducono il loro lavoro, ma aggiornano costantemente le loro linee di modelli, adattandosi sempre più alle richieste del nostro mercato.

Il prezzo della nicchia giusta

Chiunque abbia scelto un nuovo modello di cucina per sé avrà probabilmente notato che l’offerta è fortemente strutturata in base al prezzo, abbiamo cercato di evidenziare alcuni gruppi. Cinque fasce di prezzo.

Categoria inferiore: 4-6 mila Euro.

Cucine a gas

Di norma, nel segmento di prezzo più basso sono presenti dispositivi di produttori nazionali e modelli di base di aziende straniere. Tra questi ci sono marchi noti e rispettati ad esempio, quelli che producono le loro cucine in Italia , ma anche nuovi arrivati sconosciuti dalla Cina, dal Sud America e da altri Paesi.

Queste cucine offrono la soluzione più semplice con il minor numero di funzioni. In questo segmento molti clienti danno la preferenza ai marchi russi che conoscono da molti anni e che sono i leader indiscussi.

Il prezzo basso attira gli anziani. Spesso la funzionalità dei loro fornelli è valutata molto meno e molte persone sono talmente abituate ai loro vecchi elettrodomestici che non sono pronte ad imparare i trucchi di quelli nuovi. Non prendono nemmeno in considerazione la possibilità di acquistare elementi da incasso.

Il produttore rappresenta chiaramente questa categoria di clienti, come si può giudicare almeno dall’aspetto delle targhette. Il loro design è simile a quello di un classico colore bianco o marrone. Le cucine hanno un aspetto un po’ sentimentale a causa dei diversi accorgimenti: maniglie curve o lisce, comandi grandi, “finestre” ovali sugli sportelli.

I fornelli di questa classe sono e continueranno ad essere richiesti perché non sono in concorrenza con gli apparecchi da incasso e soprattutto per il loro prezzo.

Mercato di massa: 7-15 mila Euro

Piani di cottura combinati

La maggior parte dei clienti concentra il proprio interesse su questa nicchia di prezzo. Qui troverete apparecchi con caratteristiche che migliorano la qualità della cottura: accensione automatica e sistema di controllo del gas per i modelli a gas, programmatore, tutti i possibili tipi di riscaldamento del forno elettrico, vetroceramica nei forni elettrici e persino catalisi anche se raramente .

Questi fornelli sono già più comodi da usare e spesso non differiscono molto in termini di funzionalità dalla classe economica.

Questo segmento è uno dei più in via di sviluppo e la maggior parte delle aziende straniere preferisce creare nuovi modelli in questo contesto. Anche molte aziende russe stanno cercando di conquistare questo mercato, migliorando i loro prodotti, guidati dall’esperienza occidentale. Ma c’è una differenza importante.

Si tratta di dispositivi costosi per un produttore nazionale. E dal punto di vista dei nostri clienti, le merci prodotte all’interno dei confini dell’ex Unione Sovietica devono dimostrare il loro vantaggio competitivo non appena il prezzo di un prodotto viene confrontato con uno straniero cioè, nella mente della gente comune i prodotti nazionali sono peggiori, ma dovrebbero essere più economici . È più facile per i marchi stranieri, che possono utilizzare tutte le loro risorse per creare un prodotto adeguato non molto costoso, ma abbastanza “elegante” , oltre alla nostra tradizionale fiducia nelle importazioni. In questo segmento, quindi, il campo di gioco non è uniforme.

Spesso si preferiscono marchi conosciuti all’estero. La clientela di queste schede non è più omogenea. Persone di tutte le età, gusti e abilità. Per questo motivo i modelli differiscono molto nel design: ci sono offerte in stile classico, country e techno. Superfici in acciaio inox queste cucine sono solitamente più costose di quelle smaltate .

Categoria media: 16-20 mila Euro

Piastre combinate

I fornelli sono più costosi, ma anche più interessanti. Molti esperti sottolineano che il numero di apparecchi di questo tipo aumenta ogni anno: ci sono nuovi prodotti che si vendono bene. Questi sono i leader del mercato di massa, in un certo senso. La situazione in questo segmento è piuttosto disomogenea in termini di potenziale di elettrodomestici.

A prima vista, i modelli più funzionali dovrebbero essere rappresentati qui. Tuttavia, questo non è sempre il caso. Il motivo è l’emergere di nuovi giocatori, non caratteristici delle due categorie precedenti. Si tratta di aziende che producono solo apparecchi di altissima qualità e quindi costosi.

Utilizzano materiali, tecnologie ed elementi più attenti al prezzo, mentre confrontando gli apparecchi solo in base ai dati tecnici, notiamo un insieme di caratteristiche delle cucine più economiche.

Categoria alta: 21-45 mila Euro

I grandi elettrodomestici per la cucina

Rivolto a coloro che desiderano un fornello. Poiché l’importo speso per l’acquisto è abbastanza adeguato per comprare una serie di mobili economici o addirittura costosi, si tratta di un vero e proprio campo di competizione tra i due tipi di elettrodomestici.

Modelli con prezzo superiore a 30 mila Euro – l’élite funzionale. Sono presenti gli elementi tipici degli apparecchi di fascia media e talvolta di fascia alta, come l’automazione, la pulizia pirolitica, l’induzione, i comandi a sfioramento, i grandi display, i comandi a incasso, ecc. L’aspetto stesso di queste unità è una prova eloquente del fatto che i fornelli hanno un futuro. Altrimenti, questo segmento non avrebbe avuto un tale slancio nello sviluppo.

La cerchia dei produttori si restringe visibilmente, perché non tutti osano produrre apparecchi di questo tipo. E i dubbi sono giustificati: per vendere fornelli costosi, è necessario conquistare la fiducia dell’acquirente che è disposto a spendere quella cifra per il fornello. Per questo motivo questa nicchia è occupata solo da aziende serie e conosciute, con credenziali solide e che hanno già dimostrato le loro capacità tecniche.

Passiamo ora al cliente. Sono conservativi, altrimenti il problema di scelta a questi prezzi si risolverebbe a favore dell’incorporato. Ma un conservatore con esigenze elevate, vuole tutto ciò che è moderno, confortevole e attraente.

A giudicare dal design degli elettrodomestici, si tratta di persone di tutte le età e di tutti i gusti, per lo più amanti della tradizione o dell’alta tecnologia. Tra l’altro, in questo settore esistono veri e propri modelli di design, il cui “aspetto” è stato sviluppato nei migliori studi del mondo.

In questa categoria si colloca una classe di elettrodomestici completamente sconosciuta a molte persone comuni: gli elettrodomestici domestici, con i modelli più economici. Queste cucine sono progettate per le famiglie numerose e quindi hanno dimensioni molto più consistenti rispetto alle cucine a grandezza naturale da 60x60x85 cm .

Sono più alti circa 90 cm e più larghi 90-100 cm . Il piano cottura non ha più quattro fuochi, come di consueto, ma cinque o sei. Non uno ma due forni. Il primo principale è per la cottura di tutti gli alimenti, il secondo per il riscaldamento e la cottura in piccoli contenitori. Il più delle volte, gli elettrodomestici sono completamente “equipaggiati”. Non sono molte le aziende che lavorano con questi prodotti, ma tra di esse ci sono già produttori nazionali.

Classe Premium

Combina i modelli più costosi e rappresentativi, il cui costo può essere paragonabile al prezzo di un’automobile. Non si tratta di semplici cucine, ma di unità specializzate per il cottage. Sono già stati visti nella precedente fascia di prezzo.

Tuttavia, esistono differenze in termini di equipaggiamento e caratteristiche tecniche. Spesso questi piani di cottura sono come un domino, composto da più elementi. Il piano di cottura può essere dotato di diversi focolari di diversa potenza in questo caso è preferibile il gas , di una griglia, di una padella, di una friggitrice, di un bruciatore di forma ovale.

Anche in questo caso i forni sono due, uno dei quali può essere a gas. Quando è completamente equipaggiata, la cucina è in grado di raggiungere una larghezza di un metro e mezzo. È quasi un apparecchio professionale, realizzato in modo tale che nessun cuoco si accorgerebbe della differenza.

Una componente molto importante di queste cucine è il design, che può essere tecnologico, rustico e classico.

Nonostante il loro fascino, non ne vengono venduti molti, solo pochi modelli all’anno per ogni marchio: troppo esotici e poco pratici.

La produzione di questa tecnica è impegnata in aziende che si distinguono. Nel nostro paese sono conosciuti soprattutto dal personale di cucina e dagli specialisti.

Vota questo articolo
( Non ci sono ancora valutazioni )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: